Burattinarte d’Inverno

burattinarte-inverno-2017-card-page-001        burattinarte-inverno-2017-card-page-002

PROGRAMMA BURATTINARTE D’INVERNO 2017  

Inizio spettacoli ore 16.30 – Ingresso libero

 

— DOMENICA 22 GENNAIO 2017

Piobesi d’Alba – salone polifunzionale via San Rocco – IL SOGNO                                                                                                             di Gambeinspalla Teatro (Ravenna)

— DOMENICA 29 GENNAIO 2017

Neive Borgonuovo – auditorium S.Giuseppe Via T. Calissano, Borgonovo – IL SALE DELLA TERRA                                                             di Teatro Telaio (Brescia)

— DOMENICA 12 FEBBRAIO 2017

Piobesi d’Alba – salone polifunzionale via San Rocco –  BIANCANEVE, UNA STORIA DI NANI E VANITA’                                                    di Il Melarancio (Cuneo)

— DOMENICA 19 MARZO 2017

Sinio – Il Nostro Teatro di Sinio via Regina Margherita – AGATA E IL SUO PICCOLO MOSTRO                                                                       di Oltreilponte Teatro (Torino)

— DOMENICA 26 MARZO 2017

Novello – Teatro Comunale via Salita Nizza –  FAVOLE DI ANIMALI                                                                                                                di Il Gufobuffo (Torino)

spettacolo della compagnia GambeinsPallaTeatro (Ravenna)

               3      381381-10150465594681870-535441869-8407434-315304761-n

Se pensate di aver visto tutto, fermatevi a guardare questo!

Uno spettacolo unico nel suo genere vi incanterà con la sua poesia e comicità

Un carretto d’altri tempi, uno strano attore, mimo, clown, vi mostrerà il suo mondo attraverso un viaggio dal sapore "antico", confuso tra sogno e realtà, romanticismo e comicità

Con il naso all'insù potrete ammirare queste anime volanti trasformarsi da piccole a grandi, poi giganti dai mille riflessi colorati e piene di fumo ...e per finire sarete avvolti da migliaia di piccole "animelle" ..in volo libero …le bolle di sapone. Uno spettacolo per tutte le età …e gli intenditori di sogni.

spettacolo della compagnia Teatro Telaio (Brescia)

                      16957451027_1f0d73c97d    17163221982_ac046ed7ae

C’è un cerchio di sale al centro della scena. Che cosa nasconderà mai tutto questo sale?
Ci sono una nonnina un po’ arcigna e una bambina vivace e impertinente, ma non preoccupatevi, non ci sono Cappuccetti Rossi in giro, non questa volta! Ci sono una bambina che, curiosa, si muove tra il sale e la montagna e che tutto tocca e assaggia e una nonnina, che conosce la terra, il sale, gli animali e la montagna e che lavora, lavora, sistema, rimette tutto in ordine e sbuffa…

Comincia così una storia ispirate ad atmosfere andine, che parla ai bambini piccolissimi di natura e di cultura/agricoltura, ovvero di come Pacha Mama (la Madre Terra) ci affidi grandi doni da trasformare e valorizzare, nel rispetto di un tesoro che dovrà appartenere anche alle generazioni future.
Sotto il sale della terra si nascondono piccoli tesori, strani animali che ci donano una parte di sé che, attraverso il nostro lavoro, può diventare gustoso formaggio e caldo maglione di lana.

Lo spettacolo nasce dall’incontro con l’esperienza di Salinas de Guaranda, un esempio di economia solidale sviluppatasi in Ecuador grazie al salesiano P. Antonio Polo.
Per questo un ringraziamento speciale a Padre Antonio Polo, a Laura Dazzani e a tutti i volontari di Salinas che hanno collaborato alla realizzazione del progetto.

Titolo Completo: " Biancaneve, una storia di nani e vanità "

spettacolo della compagnia Il Melarancio (Cuneo)

                                         matrigna-1     nano-1

“Specchio, specchio delle mie brame, chi è la più bella del reame?”

Biancaneve dei Fratelli Grimm, forse la fiaba più conosciuta al mondo, narra le peripezie di una ragazza vittima di una regina, madre/matrigna, invidiosa della sua bellezza, che, accecata dalla sua vanità, per non avere rivali, ordina a un sicario di ucciderla. Questi però, nel momento cruciale si commuove e le salva la vita; Biancaneve allora è costretta a fuggire e trova rifugio nella casa di sette curiosi personaggi, sette nani che decidono di ospitarla e proteggerla. Ma la regina, non si dà per vinta e ricorre persino alla magia per mettere fine alla vita di questa figlia molto più bella di lei …

Lo spettacolo con pupazzi e attori, fedele alla fiaba originale, ne propone una rilettura ironica e divertente, che richiama le atmosfere del mondo dei cartoon da un lato e la magia un po’ melanconica del mondo circense dall’altro.

Così, in un spazio scenico in continua trasformazione, che all’uopo diventa castello, bosco, antro oscuro, tendone da circo, i personaggi dipanano la loro storia, una storia antica ma incredibilmente attuale, che racconta la crudele ferocia della vanità.

Titolo Completo: " Agata e il suo piccolo mostro "

spettacolo della compagnia Oltre il Ponte Teatro (Torino)

                              agata-orizz    agata-vert

Agata è la più bella, brava e intelligente del mondo. O almeno, lei si sente così. Ed è in questo modo che la vedono i suoi genitori, che la trattano come una regina. Quando arriva il primo giorno di scuola, Agata ci va convinta di trovarsi come a casa. Ma a scuola non ci sono re, né regine e i bambini sono tutti uguali. Ad Agata sale una rabbia mostruosa, che cresce ogni giorno di più, fino a prendere la forma di un mostro, il suo piccolo mostro. 

spettacolo della compagnia Il Gufobuffo (Torino)

                                dragopalla     paolo-galline

I pupazzi-personaggi sono completamente costruiti con oggetti quotidiani e materiale di recupero (spugne, pagliette, contenitori di uova, imbuti, innaffiatoi, bottiglie detersivo, spazzole, spugne, bottoni etc.).


Brevi racconti ispirati a favole di tutto il mondo, dove i protagonisti sono animali che ci fanno comprendere con semplicità facili verità morali.
Scopriremo perché il camaleonte cambia colore, perché il coniglio ha il codino così piccolo o perché la tartaruga si difende con un guscio.
Nel giugno 2003 lo spettacolo "Favole di animali" vince il concorso Prima Vetrina Teatro di Figura del Piemonte per le seguenti motivazioni espresse dalla Giuria: "L'originalità delle figure realizzate con estro inventivo utilizzando materiali di recupero, l'animazione in sintonia col gioco infantile, il rapporto diretto con i bambini, rendono questo lavoro estremamente fruibile, coniugando creatività e semplicità".