IL CERCHIO TONDO (Lecco)

il-cerchio-tondo IL CERCHIO TONDO (Lecco)

Il Cerchio Tondo è  una compagnia teatrale di burattinai/marionettisti professionisti – in attività da più di dieci anni nel settore del Teatro ragazzi – il cui lavoro ha come interlocutori privilegiati i bambini, per i quali il burattino e le figure animate costituiscono un canale diretto di comunicazione, perché esprimendosi per immagini e simboli risultano di immediata lettura. L’attività della compagnia è pensata per essere svolta sia in ambito scolastico sia per il Teatro di Piazza. 

Marco Randellini inizia la sua attività con la compagnia toscana Teatro dell’Aggeggio e realizza con essa numerosi spettacoli. Nel 1991 sposta la sua residenza e la sede del suo lavoro in provincia di Lecco, fondando con

Maura Invitti la compagnia Il Cerchio Tondo. Partecipa a laboratori e workshop con importanti attori e registi sia italiani che stranieri, fra i quali  Abani Biswas, Edy Maiaron, Eugenio Barba, Gaetano Sansone e Dario Manfredini. Porta avanti, oltre alla produzione di spettacoli, varie attività di laboratori,  specializzandosi per materne ed elementari ma seguendo anche adolescenti e corsi di aggiornamento per insegnanti.   Maura Invitti inizia la sua attività di burattinaia con la compagnia Il Cerchio Tondo; partecipa a laboratori e workshop con importanti attori e registi sia italiani che stranieri. All’interno della compagnia partecipa come marionettista/attrice e realizzatrice di alcuni materiali (burattini, fondali, ecc.) e cura le illustrazioni del materiale pubblicitario. Il Cerchio Tondo si avvale anche di numerosi collaboratori esterni per musiche e regie.

PINOCCHIO 

Sab. 12 giugno – ore 17,30
POLLENZO – Agenzia di Pollenzo, piazza Vittorio Emanuele 

Burattini a guanto/teste di legno, marottes, sagome e animazione a vista. 

In una baracca di legno prende vita la storia del burattino più famoso del mondo. Lui, essere vegetale, sussurra a noi umani che la trasformazione è inevitabile e che l’esperienza, compreso l’errore, è l’unica strada verso un sapere consapevole. E’ una messa in scena il più possibile fedele al testo originale, da origine ad una rappresentazione ispirata all’arte popolare dei burattini. Come il Pinocchio originale che nasce a puntate nel “Giornale per i Bambini”, anche questo Pinocchio è il primo di due spettacoli, per arrivare a raccontare l’intera storia di Pinocchio in maniera pressoché integrale. Esso si conclude con Pinocchio che lascia la casa della Fata per andare incontro al padre, con la promessa di tornare insieme a lui.