ROCAMORA TEATRE (Spagna)

rocamora-teatre ROCAMORA TEATRE (Spagna)

Carles Cañellas ha creato Rocamora nel 1982 in Italia, dopo aver fatto parte a Barcellona dei gruppi: T.I.Z. (1974-76), Grupo Taller de-Marionetas (1976-78), Collectiu d’Animaciò (1978-80) e il circo Circ Cric (1980-81).Dal 1987 collabora con Susanna Rodriguez, ex ballerina delle compagnie di danza contemporanea: Taba (1982-86), Saez-Taba (1986-87) e Trànsit (1988-89).Decano di marionettisti catalani, considerato dalla critica di tutto il mondo come uno dei burattinai migliori e più abili in Europa, ha partecipato a 224 festival di teatro distribuiti in 14 paesi di 3 continenti.Canellas conquista il pubblico, dimostra un’abilità fuori del comune dando alle marionette movimenti quasi umani. Gioca con il proprio ruolo: alterna momenti in cui entra nell’azione e interagisce con le sue marionette, ad altri in cui “si limita” ad animare, letteralmente “sparendo” dall’attenzione del pubblico. Tra i premi ricevuti: Premio alla carriera La Luna d’Argento 2004, Festival internazionale del Teatro di Figura La Luna è Azzurra di San Miniato (Pisa) Italia; titolo di Professore dell’ Istituto del Teatro di Barcellona, Anno Accademico 2005/06; premio per la Migliore Animazione al 11° Festival Mondiale della Marionetta d’Arte 2007 di Praga, Repubblica Ceca, per lo spettacolo Soliste. 

SOLISTA 

Sab. 12 giugno – ore 21,30
POLLENZO – Agenzia di Pollenzo, piazza Vittorio Emanuele 

Dom. 13 giugno – ore 21,30
MONFORTE D’ALBA – cortile dell’oratorio 

Marionette a filo 

E’ uno spettacolo composto da storie e numeri di abilità, classificabile nel genere del varietà, in cui un’attenta costruzione sia plastica che tecnica e una eccellente manipolazione delle marionette rende possibile la sua formidabile accoglienza da parte di tutti i tipi di pubblico, a partire dai tre anni, semplicemente variando la sua composizione drammaturgica a seconda dell’età predominante del pubblico. Una struttura semplice dove sono protagonisti dei personaggi che interagiscono con il marionettista, una forma che strizza l’occhio al vecchio varietà e che è mutuata dall’arte dei buskers, gli artisti di strada – acrobati, fantasisti, ballerini, clown – che è realizzata con la tecnica di figura.E’ perciò veramente uno spettacolo “per tutti i terreni”, valido sia per un pubblico adulto che per il teatro ragazzi che per un pubblico di famiglie.In tutto un’ora piena di buonumore e grandi dosi di poesia e umanità.