SPRING ONION PUPPET THEATRE (Irlanda)

spring-onion-puppet-theatreSPRING ONION PUPPET THEATRE (Irlanda) 

Dalla sua prima ‘performance’ nel novembre del 1998, la compagnia irlandese Spring Onion Puppet Theatre di Gaillimh (Galway) ha messo in scena più di 900 repliche di Androclo e il leone, non solamente nella sua Irlanda natia. Lo spettacolo ha girato la Scozia, l’Inghilterra e l’Italia; nella sola Italia lo spettacolo ha già superato le 150 repliche, in lingua italiana. In Androclo e il leone, Spring Onion Puppet Theatre mantiene tutti gli elementi dell’arte delle marionette tradizionale e popolare irlandese/inglese (i buoni, i cattivi, la partecipazione del pubblico), ma offre anche una drammaturgia visiva e narrativa che colloca lo spettacolo nella categoria del teatro. La favola è molto conosciuta in Irlanda perché già ripresa da George Bernard Shaw; la versione che il burattinaio John ci propone è semplice ed efficace: le figure si muovono sul palco con estrema duttilità, senza mai tradire l’intervento umano, anzi, sono loro stesse, con delle trovate ingegnose, a eseguire i cambi di scena. L’intento parodistico è esilarante e ironizza su vizi antichi e moderni.   

ANDROCLO E IL LEONE 

Dom. 13 giugno – ore 18,00
CISTERNA D’ASTI – Cortile del Castello 

Spettacolo di burattini a guanto 

Androclo, l’africano dal cuore buono, va in aiuto di un leone ferito, per poi essere entrambi catturati da Scaltrinus, il cacciatore dell’Imperatore  Romano.  Il ragazzo e la fiera vengono condotti al Colosseo per essere la principale attrazione di una festa offerta dall’Imperatore.  Quale destino attende Androclo? Il suo semplice gesto di gentilezza verrà ripagato nel momento del bisogno? Spettacolo ironico nella scelta di rappresentare Roma, fatta simbolo della nostra contemporanea società occidentale, messa a contatto col diverso, in questo caso la solare savana africana in cui alle dure leggi della foresta si affiancano valori altrettanto solidi e genuini, quale quello della collaborazione, della riconoscenza, dell’amicizia che si instaura tra l’indigeno Androclo ed il leone. I divertimenti imperiali fanno scendere nell’arena la suprema ridicolaggine del potere arrogante che pretende di assoggettare la Natura al volere dell’Idiozia;  saranno i bambini a prendere in giro l’imperatore e i suoi vezzi sostenendo Androclo nelle sue peripezie. Le musiche elettroniche (caratterizzate da una certa impronta celtica) sono del compositore Peter Bingham.