CENTRO TEATRALE CORNIANI (Mantova)

centro-teatrale-corniani CENTRO TEATRALE CORNIANI (Mantova)

Il Centro Teatrale Corniani Artisti Associati rappresenta – con il lavoro di Maurizio Corniani – la continuazione della tradizione della famiglia Corniani che, dopo la morte dei “vecchi” burattinai e la cessata attività di alcuni gruppi locali, rimane l’unica ad operare e a rappresentare il Teatro di burattini tradizionali nel mantovano.  Dal 1979 al 1995 a Mantova la Famiglia Corniani ha allestito e aperto al pubblico in modo stabile il Museo dei burattini con una collezione composta da 150 burattini, duecento scenografie, tre teatrini, oggetti di scena, copioni, canovacci, manifesti e fotografie. Nel 1990 Augusto Corniani viene insignito del Premio Campogalliani d’oro per la continuità professionale e l’importante testimonianza del Teatro dei burattini tradizionali della Bassa Padana. La compagnia – riconosciuta Teatro di figura di rilevanza nazionale dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali – distribuisce a livello nazionale ogni anno circa 300 spettacoli, tiene laboratori didattici di formazione, organizza e coordina quattordici rassegne e una stagione teatrale. Maurizio Corniani, dopo aver frequentato lo stimolante corso di Teatro tenuto a Mantova dalla Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano, ha approfondito la ricerca nel campo del Teatro di burattini della tradizione emiliana e ha trovato nuove e originali idee per produrre spettacoli nel campo del Teatro di Figura. Nel 1995 è stato uno dei soci fondatori dell’Associazione Per Filo e per Segno di Verona insieme a colleghi e appassionati, con lo scopo di valorizzare e diffondere il Teatro di Figura e di creare una scuola per aspiranti burattinai. Nell’anno 2000, a Maurizio Corniani è stato consegnato da una giuria di esperti il Premio nazionale silvano d’oro 2000 ai bravi burattinai d’Italia patrocinato dal Ministero dei Beni Culturali per aver portato all’interno dell’azienda familiare nuova vitalità, pur nel rispetto del repertorio tradizionale, ponendosi come anello di congiunzione tra l’antico e il nuovo.

FAGIOLINO NEL BOSCO INCANTATO 

Ven. 11 giugno – ore 22,30
ALBA – Quartiere Europa – Viale Masera – Tetti Blù 
Burattini tradizionali in baracca 

Spettacolo di burattini a guanto e bastone in baracca con i burattini della tradizione: Fagiolino con l’immancabile Purgante San Pellegrino, Sandrone con i suoi strafalcioni, il vecchio Pantalone con le sue venete parole, animati in baracca tradizionale con quinte e sipario di tela. Maurizio Corniani, prendendo spunto da un vecchio copione al quale era emotivamente legato, ha dato vita e allestito questo spettacolo che si rifà per stile e modi al fare i burattini di un tempo. Fagiolino alle prese con la sua eterna fame, ascolta per caso il dialogo tra due personaggi che raccontano di un misterioso incantamento ai danni di un principe, figlio del Re di Persia. Il Principe si salverà dal maleficio proprio grazie a Fagiolino che, per questo, sarà premiato con la garanzia di poter mangiare abbondantemente e per sempre. I cattivi, come sempre, saranno bastonati dal prode Fagiolino.