2Ky Theater di Vladimir Zakharov (Russia)

2kyVladimir Zakharov, fondatore e attore della compagnia di teatro di figura 2Ky di Tomsk, in Russia, ha cominciato il suo lavoro come burattinaio costruendo burattini e creando scenografie per altre compagnie. Nel 1991 ha fondato un teatro tutto suo, il teatro famigliare 2+Ky per realizzare e sperimentare una sua geniale invenzione, il burattino da polso, una nuova tecnica di costruzione dei burattini;da questo lavoro, nei successivi sette anni, sono scaturiti quattro nuovi spettacoli, ampiamente rappresentati in tutta la Russia e all’estero. Alla fine degli anni ‘ 90 Zakharov comincia a sviluppare dei burattini meccanici manipolati elettronicamente. La loro indipendenza dal burattinaio e gli elementi di scelta casuale (random choice) nella loro programmazione danno l’impressione che siano creature viventi e aggiungono espressività allo spettacolo. Ecco da quali esperienze, nel 2005, è nato l’ultimo spettacolo, The story of one puppet, che combina tra di loro tutte queste nuove tecniche. The story of one puppet
Presentato da Burattinarte in prima nazionale, lo spettacolo si snoda stralunato e straniante in una sintesi di poesia e tecnologia: il burattinaio, immerso nei suoi pensieri, entra in un caffè, ordina del vino e una mela e comincia a sognare… In quell’atmosfera rarefatta, scandita da una musica meravigliosa, i suoi sogni e i suoi pensieri diventano realtà: il burattinaio crea un burattino, gli dà la vita e gli insegna l’amore; il burattino, ottimo allievo, impara ad amare, si innamora della rosa, che prende vita anch’essa, trovando a sua volta un amico, una lampada…
I ruoli più importanti nello spettacolo sono interpretati da mani, braccia e musica e dall’indispensabile e immancabile fantasia. E’ anche straordinario come Vladimir Zakharov usi solo oggetti molto semplici e comuni per la sua storia, a riprova che la semplicità è grande!
Le musiche sono di Georges Winston
Lo spettacolo è stato rappresentato in Russia, in Belgio a Ghent, in Francia ad Avignon e in Giappone all’Expo del 2005.